Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 7) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-7]

Seite: 103
DOI Seite: 10.11588/diglit.28026#0111
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd7/0111
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
10 3

D I V E R S I .

*ro: e a quelle due leggi soao essi prmci-
palmente debitori di quello immenso pote-
re, per cui fanno ora la guerra ofsensiva-
•mente in tutte e quattro le parti del mon-
do, ed in tutte e quattro hanno trionfato
e trionfano tuttavia.

GIi Olandesi nello spazio di poco più di
«inquanta armi dal non ayere quasi che niun
bastimento in mare pervennero ad avern©
un maggior numero che tutte ie altre na-
zioni dell’Europa prese insieme, delle qna-
ii furooo un tempo i venturieri per acqua.

L’altezza a che saiirono un’isola delsOcear
iio divisa altre vclte dal restante del moa-
do, ed un picciolo paese sormato dalle al-
luvioni di alcuni fiumi della Germania, e
fatto da poco tempo in qua; la hgura che
fecero aroendue quegli stati nelsetà più vi-
cine a noi, le lunghe e dispendiosissime
guerre che poterono sostenere, pare che
abbiano istrutto 1’universale, anzi convinto
oggimai intorno alia raesse che si raccoglie
ricchissirna dal coltivare il commercio. Tut-
te le nazioni sanno presentemente a gara
per avervi parte, e per averne il più che
$ia possibile. Da per tutto si ragioua di agri-

G 4 eol-
loading ...