Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 7) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-7]

Seite: 146
DOI Seite: 10.11588/diglit.28026#0154
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd7/0154
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
14 6 Pensieri

è maraviglia. Gli uni non sussistono alla
Cina , se non iri quanto gli protegge il go-
verno , e non ritrae da esso loro la mano :
alcuni cli essi hanno ii posto e la clignita
di matematici ; ed è ben naturale che ma-
gnifichino una nazione , appresso alla qua-
le fanno anch’essi un personaggio . Anson
approcìò a quelle rive vittorioso ed arma-
to : e c]uai concetto poteva egli avere ciei
Cinesi, quando a tutte le forze navali clel
loro imperio, poteva far fronte col solo
Centurione delquale egli aveva il comando?

Non ostante il comune vincolo per cui
son legate insieme le buone arti, avviene
talvolta che in uno stato aicune fioriscano,
ed alcune altre sieno del tutto neglette .
A1 tempo più horiclo de’Romani non man-
carono tra gl’ Italiani cli buoni architetti
che innalzarono monumenti non indegni
della maestà di quell’ imperio : e Yitruvio
raccolse i precetti dell’architettura in un
libro, che è tuttavia classico in quell’ar-
te. Non pertanto quel popolo era nella
statuaria nella pittura e nella musica pres-
so che barbaro : e ciò perchè i Romani at-
tendevano principalmente alle opere della

penna
loading ...