Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 7) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-7]

Seite: 152
DOI Seite: 10.11588/diglit.28026#0160
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd7/0160
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
l-%2 Pensieri

Morte jacent merita; testes estote Philippi,
Et quonan sparsis ossibus aibet humus.
Hoc opus, hcec pietas, hcec prima elementa
fuerunt

Ccesaris ulcisci justa per arma patrem.

Dal paese diPonto, dove, come ognun sa,
era stato confinato, scrive a Germanico Ce-
sare :

Huc quoque caesarei pervenit fama trium-
phi,

Languida quo fessi vix venit aura noti.
Nil fore dulce mihi scythicd regione putavi:
Jani minus hic odio est, quam fuit ante,
locus.

Scrive dali’ istesso luogo ad Augusto.

Sed nisi peccassem, quid tu concedere pos-
ses ?

Materiam veniae sors dbi nostra dedit:

e pare quasi leggere le lettere del conte di
Bussy Rabutin, che dal suo esiglio vorreb-
be pur placare il nume di Luigi XIV. sde-
gnato contro di lui per una colpa consimi-
le a quella di Ovidio. Quando egli loda il

re
loading ...