Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 7) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-7]

Seite: 173
DOI Seite: 10.11588/diglit.28026#0181
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd7/0181
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
DIVEP, SI. iy5

strade, e vanno ronzando per le case con
abiti i più pomposi e ssoggiati.

I progressi delle buone arti sono di loro
natura più rapidi che non sono quelli del-
le scienze. Ornero e Sofocle furono lungo
tempo innanzi Arcbimede e Apollonio : e
Fiorenza avea veduto tanti eccellenti poeti
statuarj architetti e pittori, prima che ve-
desse nn Yiviani e un Galilei. Per fare a
cagion d’ esempio una descrizione pittoresca
del siusso e rissusso del mare, che gonfian-
do soverchia i lidi, e ritirandosi discuopre
le secche a’naviganti sospette, basta la ve-
duta dipoche ore, e la viva fantasia di un
poeta; per risalire sino alle cause che pro-
ducono quel maraviglioso fenomeno, calco-
larne Fattività e la forza in tutte le loro
differenti combinazioni, ci ha yoluto la os-
servazione di più secoli, e tutta la sagacità
e la geometria inglese.

Vidirnus unaantem ruptis fornacibus AEtnam
Flammarumque globos, liquefactaque volve-
re saxa ;

è un quadro di Yirgilio, a. cui nulla po-
trebbe aggiungere, nè per il disegno nè per

il
loading ...