Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 7) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-7]

Seite: 174
DOI Seite: 10.11588/diglit.28026#0182
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd7/0182
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
174 PeNSIEPlI

il colorito, tutta la scienza de’moderni. Ma
per penetrare la cagione dell’eruzione dell5
Etna converrebbe poter fare, come diceva
colui, la notomia delle montagne.

II en est jusqiC à trois que je pourrois citer,

disse Despreaux delle donne savie: lo stes-
so si potrebbe dire de’principi dotti. Den-
tro al recinto de’loro palagi, e nella breve
durata dcl loro regno sono dottori solenni;
e fuori di là cadit persona, manet res. I
versi di Dionigi ebbero in premio le iischia-
te dellaGrecia; e il grande Alessandro sen-
ti la sferza di Orazio per quel suo gusto in
poesia, contuttochè egliavesse avuto per mae-
stro un Aristotele. Gli studj di Tiberio era-
no intorno al noine che s’era posto Achil-
le nell’isola di Sciro, e che sorta di canzo-
ni cantavano le sirene. Nerone fu altrettan-
to ridicolo poeta, che principe violento.
Niuno ignora le invenzioni di Claudio nel-
lo abbicci, ch’ebbero cosi corta vita; i di-
storti giudizj di Caligola sopin i più celebri
autori; e le rivalità con gli uomini di let-
tere di Adriano ; per non parlare della pe-
danteria di Giuliano e di Jacopo priino re

d’ln-
loading ...