Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 7) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-7]

Seite: 187
DOI Seite: 10.11588/diglit.28026#0195
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd7/0195
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
1

tj i v s n s i.

‘!LeggeSi nella storia del Cambdeno conre
al tempo suo correya tra gl’Iijglesi una tra-
dizione, ch’era costmne de’Romani semi-
nare lungo lè fortihcazioni che innalzayano
ogni maniera di erbe vulnerarie. In satti,
dic’egli, lungo il gran trincieramento roma-
no innalzato da Lollio IJrbico, che difen-
deya la Inghilterra contro alla Scozia, gli
speziali del paese vi vanno ad erbolare, e
vi raccolgono erbe medicinali contro alle
seiite. In quel luogo medesimo, elove i sol-
dati andavano ad asfrontare il inale, vole-
vano quei savj antichi che vi trovassero an-
che il rimedio .

Per mostrare quanto Ia libertà esalti il
genio degli scrittori, si potrebbero forse ci-
tare i seguenti versi di Chetwood :

True Poet's souls to Princes are ally'd,

And the PVorld’ s empire with its Kings di-
'vide .

pdeaven trusts the present time to Moriarch’s
care,

/*

Eternity is the goocl wricers shave. JcA astx.d

Nel principio del passato secolo i Fran-
cesi provvedevano la Inghilterra di grano e

di
loading ...