Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 7) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-7]

Seite: 200
DOI Seite: 10.11588/diglit.28026#0208
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd7/0208
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
&0Ó

Pensieri
in nna sna medaglia si trova quella epigra-*
fe : ATTAMEN BONUS IMPERATOR.

Dopo che si è discoperto, che 1’Ameri-
ca e l’Asia non son divise verso ii nort7
che da un picciolo braccio di mare, non
fu diflicile popolar 1’America settentriona-
le. I Tartari tragittarono agevolmente su
per li ghiaccj di quello stretto, e furono i
padri di quelle nazioui selvagge, che abita-
no il settentrione delFAmerica, ed hanno
qualche somiglianza co’Tartari vagabondi,
da’quali è abitato il Settentrione delFAsia.
Di là fu facile che gli uomini si spargesse-
ro verso il mezzodi delFAmerica, invitati-
vi dalla dolcezza del cielo, dal tepor del
sole. Ma perchè in quelle parti di Ameri-
ca si discopersero nazioni pnlite e lontane
cla ogni salvatichezza, si cercò a qneste ua’
altra origine. Si trovò per yentura, che gli
annali della Cina fanno menzione di non
so che navieazioni fatte da’ Cinesi sino dal

o

quinto secolo iix Ainerlca; ed ecco quanto
bastò per dedurre una iiliazione de’princi-
pi, cbe fondarono il regno del Messico, e
deglTncas autori del fioritissimo impeio del
Terù, da quel popolo asiatico, ie cui arti

e la
loading ...