Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 7) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-7]

Seite: 279
DOI Seite: 10.11588/diglit.28026#0287
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd7/0287
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
dell' Éneide del Caro . sygp

Donde mai, Dio buono, ha potulo egli
immaginare che pestis si riferisce anzi a’vil-
lani che alla Furia? Imperocchè, senza che
molto meglio conviene a questa, che a quel-
li non fa; ella è sempre in azione in que-
sto fatto come quella che ne è condottie-
ra e motrice prima: ella apposta un luogo
nella campagna, d’onde veder la caccia di
Ascanio; ne concita ella, come dicemmo,
i cani contro il cervo ; ella dirige la ma-
no e il colpo d'Ascanio, si rimpiatta nelle
macchie per essere spettatrice e somenta-
trice eziandio tuttavia del tumulto già per
opera sua eccitato, cl’ onde un momento
dappoi

.... Sceva e spiculis tempus Dea nacta
nocendi,

Ardua tecta petit stabuli, et de culmine
summo

Pastorale canit signum, cornuque recurvo
Tartaream intendit vocem : qua protinus
omne

Contremuit nemus, et silvce intonuere pro-
fundce.

Dal che vedesi manifestamente, senza cer-

s 4

car
loading ...