Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 7) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-7]

Seite: 304
DOI Seite: 10.11588/diglit.28026#0312
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd7/0312
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
5o 4 Lettere sulla traduz,

pagarvi l’intero del debito mio, a risarcir-
vi ancora del tempo che a farlo ho frap-
posto; piacemi apporre alcuni esempli ezian-
dio di luoghi, ne’quali ha ii Caro con bas-
sezza tradotta 1’altezza del canto virgiliano,
o ne”quali egli ha peecato contro il costu-
me, mescolando alle antiche cose non so
che di moderno, come chiamando demonj
le deità del Tartaro, ponendo i rivellini fra
le antiche fortificazionied altre si fatte
cose; le quali quanto sconcio miscuglio sie-
110, abbastanza si è disputato nelle riflessio-
ni intorno alV Orazio del Pallavicini (1).

Di villa il di 2,g. di settembre 1744'

(i) Queste rifiessioni so?i poste imianzi al
T. II. delle opere del Pallavicini, che suro-
no gli scorsi an?ii stampate i?i Venezia co?i
regia munificenza per ordine della Maestd di
Augusto III. re di Polo/iia elettor di Sasso-

?ua .
loading ...