Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 7) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-7]

Seite: 328
DOI Seite: 10.11588/diglit.28026#0336
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd7/0336
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
02.8 Lettere sulla traduz.

ti, e dispregiati nel terapo stesso, dietro
il ricordevole esempio dei viaggiator, se non
erro, dei Boccalini : che non sarebbe mai
pervemuo di suo cammino a termine, se al-
le cicale che per via stridono avesse volu-
lo por mente, e contro quelle imprender cac-
cia tuttavia. Ii perchè basterebbe per av-
ventura cosi di passaggio a cotesti censori
risponder quello, che disse Diomede da Pa-
ride ferito :

Owc àxiycd wcrd pt yvvit sióiXii, v irods cccppccv
Kaxpov yccp (lixos ccvS'pòs ccvxXxiSos XTlScCVOlO (l) :

esaprebbonmi per avventura grado, se non
delia salsa, del greco manicaretto almeno
ali’erudito loro palato imbandito.

Ma per non parere dispregiator soverchio
del letterario sopracciglio ; che gii sciocchi,
non ch'altri, anco pur talvolta bene avvi-
sano (2); udiamo in grazia quelche cantan.
costoro dal tripode e dalla sacra cortina.

Sta-

(1) Iliad. lib. XI.

C2) Un sot quelc/uefois ouvre un' avis impor-
tant.

Despr. art. poet. c. 4-
loading ...