Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 7) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-7]

Seite: 355
DOI Seite: 10.11588/diglit.28026#0363
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd7/0363
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
355>

DETX^ EnEIDE DEL GaRO .

De le spoglie cVAchille, e rilucente
Del foco, ond’arse il gran navile Argolico !
Squallida avea la harha, orrido il crine
E rappreso di sangue; il petto lacero
Di quante unqua ferite al patrio muro
Ehhe cV intorno :

\

la qual versione è con particolar latide rE
ferita dal signor abate des-Fontaines nelle
scelte ed erudite note alla grave e giudi-
ziosa sua traduzione in prosa dell’Eneide (1).
E questo luogo in commendazion del Caro
notar mi piace, più tosto clie in biasimo
di lui quell’altro del quinto riferito pure
dallo stesso autore :

Interea mediutn AEneas jam classe tenebat
Certus iter, fluctusque atros aquilone seca-
hat ;

Intanto Enea spinto dal vento iti alto
Veleggiava a clilungo ;

sì perchè certa cortesia nelle cose di lette-
re non disdisse mai; sì perchè non puossi
accusare il Caro d’ abbaglio a questo passo,
Z z che

41) V, p. e 414. del T. II
loading ...