Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 7) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-7]

Seite: 364
DOI Seite: 10.11588/diglit.28026#0372
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd7/0372
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
564 Lettere stjlla TRADTJZ.

noii tormenterebbe egli in vano il marm©
per farne un Giov*e plebeo? Che più? Tra
le divine cose, onde l'Eneide è ingemma-
ta, una si è senza dubbio la parlata che fa
Anchise ad Enea al primo incontro loro ne-
gli Elisj. Se non i’aveste a mente (che niu-
no ha forse TEneide tutta a memoria , co-
nre dicesi che un certo Sasbouth avea (i),
eccovela trascritta :

Trenisti tanclem, tuaque expectata parenti
Vicit iter durum pietas : datur ora tueri,
,:\ate, tua, et notas audire et reddere ro-
ces.

Sic equidem ducebam animo, rebarque fu-
turum

Tempora clinumercins ; nec me mea cura se°
fellit.

Quas ego per terras et quanta per cequora
vectum

Excipio, quantis jactatum, nate, periclis!
Quam TJietui, ne quicl Ljbice tibi regna jiq-
cerent !

Che

(1) Di questo Sasbouth fa menziojie il Fa-
brizio de Yirgilio .
loading ...