Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 7) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-7]

Seite: 377
DOI Seite: 10.11588/diglit.28026#0385
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd7/0385
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
DELL EnEIDE DEL GaRO 0

*7f.

L E T T E R A VIII.

Cjuardati , altri dice , daH’uomo d5 un
sol pensiero , o d’ un sol libro . Guardate-
vi ora voi da me , caro Ermogene mio,
pieno tutto di Virgiiio e del Caro .

Plenus rimarum sum , hac illac perfluo .

II signor Apostolo Zeno , in cui pari è lu-
manità all’ erudizione , e il cui animo è
stato dsalle lettere espolito quanto ornato
1’ingegno, mi ha comunicato un fascio cli
traduzioni di Virgilio in nostra lingua , le
quali io ho svoltolate tutte a questi di.
Innumerabili per cosi dire sono fra i no-
stri coloro ,

Che di triplice acciaro il petto cinti ,

ebbero in fragil legno ardimento di corre-
re questo mare celebre per naufragi . Io
non vi ripeterò i nomi del Cambiatore, o
del Vasio , dell’ Angelucci, del Guidiccio-
ni, del Cardinal de’ Medici ? del Pollastri-

no 3
loading ...