Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 8) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-8]

Seite: 6
DOI Seite: 10.11588/diglit.28028#0014
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd8/0014
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
6 L E T T E B. E S O P R A

sca? La famosa passione del Tintoretto, qua-
le è presenteroente ridotta, è proprio una
compassione . Non è gran tempo che tra cer-
ti frati si è tenuto capitolo in Padova per dar
di gesso a un portico dipinto dallo Squar-
cioni, che è il fondatore deila scuola, che
sorse anticamente in quel paese; e se pia-
ce a Dio, sarà presto canceliata anche quelP
epoca delia pittura, Quel s. Cristoforo di
Pietro Leonori che giganteggia in s. Petro-
nio a ricontro delie piccioline figure dipin-
teyi da Buffalmaco ; e forse anche la Cap-
pella della Pace pitturata dal Bagnacavallo
a concorrenza d’Innocenzo da Iinoia, del
Cotignola, e d'altri scolari del Francia; io
le veggo, il mio caro signor Dottore, per
un bel dì di festa roesse a bianco da quai-
che bravo maestro cli Coroo. Non ci è che
lei che ne preservi in qualche maniera le
cose antiche, trasportandoìe ricopiate nel
suo niuseo, A buon conto non sono del tut-
to perite, ia inercè sua, le più beiie ope-
razioni di Niccolino; e mi hanno assicura-
to, che noveìiamente il Fratta abbia per
ordine suo diseonato anche il chiostro dì

O

s, Michele in boseo, doy'ebbero così cortn

yita
loading ...