Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 8) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-8]

Seite: 8
DOI Seite: 10.11588/diglit.28028#0016
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd8/0016
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
■S Lettere sopiìa

la casa Foscari posta sulla Brenta vi sono
le più peregrine invenzioni che uno possa
iinmaginare, le più adattate al luogo che
nulla più. In una stanza per esempio è di-
pinto tutto intorno all’altezza del davanza-
le delle finestre un ballaiojo co’suoi balau-
stri, di là del quale veggonsi da ogni la-
to, come giù nella campagna, di freschi si-
ti e deliziosi, con entrovi edilìzj e macchiet-
te assai ben toccate, per quanto me ne sov-
viene. Pare che uno sia in un terrazzo so-
pra il tetto deìla casa, d’onde signoreggi
da ogni banda uno iinmenso paese. La voì-
ta della stanza. senza corniciamento e par-
timento alcuno hnge aria; e gli ornati del-
le porte e delle finestre sono finti, in par-
te rovinati, e nascono con garbo dal bal-
latojo inedesimo, che gira tutto intorno .

E' una sventura, che non sieno intaglia-
te in rame siinili invenzioni, onde potes-
sero servir d'esempio, e ric-hiamare il buon
gu.sto tra noi, o almeno venir potessero ri-
copiate in Inghilterra, dove scorgesi qual-
che seguo del valore antico, anche nel mo-
do di ordinar le fabbriche e di ornarle-. In
Inghilterra appunto spese non picciola som-

ma

>
loading ...