Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 8) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-8]

Seite: 12
DOI Seite: 10.11588/diglit.28028#0020
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd8/0020
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
12 L 3? T T E R E SOPRA

A L MEDESIMO

A BOLOGNA.

Venezia a. giugtio 1744-

•ktck-k-k-k-k'k-k-k'k-k'k-k-k-k'k'k'k-k'k-k-k'k-k-k'k-k-k-k-k'k-k-k-k-k-k-k-k'k'k'k
Infandum, Beccare, jubes renovare dolorem.
*********************¥******^****^*****+*

_A L raio secondo viaggio in Francia po-
chi anni fa io potei ancora vedere a Fon-
tanablò i dipinti diNiccoiino, così freschi^
di quel riiievo e di quelia forza che gii de-
scrive il Vasari, e degni che sossero rico-
perti con ricchissiini cortinaggi, come vuo~
le iiVedriani che lo fossero nel passato se-
colo. Quanto sopra gii errori di Uiisse avea
già preteso il re degli scrittori, ed era sta-
to dipoi posto in disegno dai Primaticcio P
aveaio mirabilmente colorito ii bravo Nic-
colino. Non le so dire, eon qual diletto
io mirai quelia visibile poesia. Ma se io
tardava poche ore, era fatto , e avea da pia-
gner sempre. Erano già in sui tetto deìla

gal-
loading ...