Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 8) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-8]

Seite: 18
DOI Seite: 10.11588/diglit.28028#0026
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd8/0026
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
i8 Lettere sopra

ratore , coine Eila ben saprà , di cose pre*

gievoli e rare ,

Dalìa casa Cornaro della Cà-grande il
famoso quadro in tavoia delle tre Grazìe
dei Palma vecchio , inezze Bgure al natu-
rale . Di questo quadro ciie già era in ca-
sa Giustiniani , e pervenne in quella dei
Cornari per via di eredità , il Boschini,
dopo aver parlato con lodeigrandissima deiP
autore, ne fa il seguente eiogio :

La casa Giustiniana aquile tV oro
Ha de sto autor de tutta esquisìteza
Zogia ch’ ogn altra supera in beleza ,

L ben se ghe puol dir 'vero tesoro ;

H e im quadro con tre ISinse, anzitre Graziey
E per megio pariar tre maravegie,

O tre Dee che inarcar puol far le cegie;
JYè le perscne mcd se rencle sazie .

La più rara beleza che sia al niondo

Par un ombra , un caligo, e par un sogno,
Dise la perfézion : mi me vergogno
Co vedo sta pitura , anzi me scondo „

Ll colorito , chè è de sangue e carne ,

L è el manco; Vè 7 spirar, veder quel moto>
Quel color natural, quel trato doto,
Qiiello è quel che fa atonili restarne..

Queste
loading ...