Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 8) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-8]

Seite: 19
DOI Seite: 10.11588/diglit.28028#0027
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd8/0027
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
iLA PlTTUHA i

Questù è più fresche che rose o viole ;

Le fa clrezzar el pelo , e sgangolir ;

Le fa le gatorigole vegnir ,

L,e se fa intender senz altre parole.

O Palma veccliio, singnlar Pitor ec.

Carta del navegar pittoresco vento quin-
£0 pp. 310. e 3 ii. ed. di Venezia 1660.

Ella sa che questo libro del Boschini,
benchè non asfetti il favellar toscano , nori
è per questo di meno autorità nelle cose
della pittura. Qui non mi starò a dire ,
che queste Grazie sono vestite e acconcia-
£e alla foggia che correva a’tempi del Pal-
ma ; essendo a lei ben noto , siccoine la
più parte de’ pittori veneziani, quanto si
sono studiati di dar vita e sangue alle lo-
ro Jfigure, e bizzarria alle loro invenzioni,
all’ incontro della convenienza e del costu-
me pare non se ne sieno dati certo pen-
siero . E benchè queste tre iigure potesse-
ro per avventura venir prese per ritratti ;
la testa di quella di mezzo par cavata dal-
la Niohe, tanto ella è corretta elegante e
greca nella sua forma .

Dalla medesima casa Gornaro un qua-

B % dro
loading ...