Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 8) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-8]

Seite: 25
DOI Seite: 10.11588/diglit.28028#0033
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd8/0033
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
LA PlTTURA. 2^

Idem autem le-Blond jam antehac Johart-
ni Loffer logographo pro tribus florenorum
millibus instantissime roganti vendiderat ima-
ginem D. Birginis in tabula picta stantis,
fdiolumque ulnis gestantis, substrato eiderrt
tapete, cui genibus flexis incumbunt quidam
iconice depicti, quorum omnìum in libro no-
stro diagraphico Sandrartiano idece extant
autographicce, e quibus, quanta sit ipsius
operis dignitas, plus satis perspici potcst.

Nella vita deirOlbenio scritta da Sandrart
nell’Accademia Picturce eruditce lib. III.
part. II. cap. <7. p. 241 ed. di JNorimber-
ga i683.

Dalle quali due descrizioni si viene a rac-
cogliere in gran parte la storia, e il vero
e particolar soggetto clel quadro inedesimo,
che falsamente credevasì rappresentasse la
famiglia di Tommaso Moro. Nè si può met-
tere in dubbio che il quadro non sia quel
desso, di cui si parla nelle due riferite de-
scrizioni; ancorachè nell’una si dica, esse-
re cli forma quadrata, quando in fatto non
lo è. A chi considera la semplice tavola
esso non è di forma quadrata ; che in alto
iermina in mezzo cerchio, il cui diametrt»

è mi-
loading ...