Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 8) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-8]

Seite: 32
DOI Seite: 10.11588/diglit.28028#0040
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd8/0040
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
%Q LeTTERE SOPE.A

cìue nel gusto dtlla famosa vecchia di Ta-
ners, che è nella galleria di Vienna. Di
eotesto pittore minutissimo nelle parti , e
infelice nella somma dell opera, soleva di-
re non so chi , che e’faceva per le pulci
le migliori mappè del mondo : Ia qual co-
sa non si potrebbe già dire delle teste del
Nazari; che nulla vi perde la massa tota-
le, non ostante ia estrema fìnitezza delle
parti .

Due mezze fìgure di un fare morbidissi-
mo, perso di coutorni, e tutte lavorate di
mez/.e tinte del signor Gitrseppe JVogari pit-
tore naturalista, il quaie sopra ogni altra
scuola cerca quelia di Fiandra. L’urra del-
le due mezze fìgure rappresenta un fìioso-
fo, e Faltra unavaro; è questa è fìnamen-
te intagliata a buiino dai signor Antonio
Polanzani .

Un quad.ro in pastello alto tre piedi cir-
ca dei fainoso signor Liotard, il quale rap-
presenta una giovine cameriera tedesca in
proiilo, che porta una guantiera con sopra
un bicchier d’acqua, e uua chicchera di
cioccoiata. E questa pittura quasi senz’om-
bre in un campo chiaro; e prende il lu-

me
loading ...