Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 8) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-8]

Seite: 54
DOI Seite: 10.11588/diglit.28028#0062
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd8/0062
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
,54 Lettere sopra

ser persone vive dee ofsendere un tal po^.
co coloro che cercano. il perchè in ogni
cosa. L.’errore per altro è da perdonarsi
più al B.agnacavallo, che non si farebbe a
parecchj altri pittori della vostra scuola.
Egli yaieva assai più nel colorito che nel
disegno:. e corae egli nel colorir quelle fi-
gure mostrò la cosa, in che conoscevasi più
vaiente, trovò anche il modo di meno of-
fendere il giudizio altrui, soddisfacendo mag-
giormente ali’occhio .

.. Nella facciata del palazzo Grimani, che
è a Fiesso in suila Brenta, ci sono dipin-
te tra certi colonnati alcune statue fìnte di
bronzOj. che per la yerisimiglianza che han-
no in sè fanno un bellissimo, efsetto. In
un altro palazzo di casa Cornaro posto a
Oriago medesimamente in sulla Brenta so-
no dipinte tra le finestre delle fìgure co-
lorite, e fanno anch’esse un buon efsetto.
Ma sapete perchè? perchè tra le finestre
si finse dall’accorto pittore che fossero te-
si degli arazzi, come in un qualche giorno.
di festa; . e sopra essi potè con tutta conve-
nienza colorir le sue figure.

Un simile artificio ben vi ricorderete che

fu
loading ...