Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 8) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-8]

Seite: 64
DOI Seite: 10.11588/diglit.28028#0072
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd8/0072
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
64

Lettere s o p ra

A L S I G. C A N.

LUIGI CRESPI

ALLA SAMOGGIA.

Cavallina 8. settembre irj5G*

Sen avea io ragione di dirle, che mi
sarei sottoscritto d’ avanzo a quanto ella
avesse detlo nell’ altra lettera sua intor-
no alla pittura . Non si può meglio :
e pur troppo ella dà nel vero parlando
dello scadimento, in cui è a’ nostri giorni
grandissimo questa arte, che quasi, e sen-
za quasi si potrebbe chiamare nipote a Dio »
Ci sono oggigiorno, diceva non so chi ?
dei pennellisti, non dei pìttori. II far pre-
sto pare che sia il segno 'ultimo, a cui
mirano i moderni inaestri; e non sanno
che nè i bei versi, nè i bei quadri s’im-
provvisano. Alla idea deila pittura tengano
sempre rivolta la mente, come la teneva
il suo Cicerone alia idea della eloquenza;
tentino di giugnere con la operazione ,,

per
loading ...