Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 8) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-8]

Seite: 74
DOI Seite: 10.11588/diglit.28028#0082
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd8/0082
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
y4 Lettere sopra

delle otto croci ; e mi congratulo ancora,
che ogni ragione e maniera di bello le va-
<la a genio, e per lei non si dia la esclu-
siva aniuno. Altri forse potrebbe credere,
che essendo elia un così grande antiquario,
come pur è, non le dovesse poi garbeggia-
re gran fatto un Chirone, che ha messo
su bottega da speziale, un Achille che se
ne va sonando la chitarra. Troppo hanno
da dispiacere così fatte scostumatezze o li-
cenze a chi ha scolpila in mente una qual-
che bella gemma, o la dotta pittura delF
Ercolano. Ma ella guarda più alla maestria
dell’arte, che all’erudizione deli’artehce;
e così va fatto .

Pare che da Benedetto fosse singolarmen*
te arnato questo tale soggetto di Chirone ;
cotne Paoio amava l’adorazione dei Magi,
o ie cene. Io ho del medesim© inaestro
un bellissimo disegno, in cui Chirone im-
segna ad Achilie la dottrina della sfera. Le
due figure sono gruppate a maravigiia, vi
sono dei contorni significantissimi ;• e la te-
sta del Centuaro è di carattere antico. Se
ne potria ricavare un’ assai bella stampa ;

ma
loading ...