Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 8) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-8]

Seite: 79
DOI Seite: 10.11588/diglit.28028#0087
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd8/0087
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
laPitttjra.

chiesa di san Pietro Martire, e rappresen-
ta nostro Signore, che porta la croce al
Galvario. Non pare che sieno d’accordo in
Parraa, che sia di mano del Coreggio, per
essere di maniera assai disferente da£sli al-

O

tri. E lo stesso Iiuta uomo molto intelli-
gente, che ha composto la giùda defore-
stieri per la patria sua, ne parla in modo,
che lascia trasparire alcun dubbio. Ella no
che non ne avrebbe aìcuno : e col finissi-
mo occhio suo ci scorgerebbe ii passaggìo,
che faceva ailora il Coreggio, dalla manie-
ra dei Mantegna alia sua propria. In alcu-
ne figure a cavaiio singoìarmente, e in un
pezzo, o in più di un pezzo di architettu-
ra che è neii’iudietro, ben si ravvisa il fa-
re del suo inaestro, quale si vede nelia
cappella clegii Eremitani che è in Padova.
Ma si ravvisa altresì quanto egli ne rani-
morbidisse e ingrandisse ia maniera, impa-
stando soavemente e rompendo le tinte,
sfumando i dintorni clelle figure, degradan-
do i lontani, rotondeggiando la coinposizio-
ne, uscendo in quel dipinto daìle strettez-
ze del Mantegna assai meglio, che non fe-
ce il Giorgione da quelle del Bellirù nel

fa-*
loading ...