Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 8) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-8]

Seite: 82
DOI Seite: 10.11588/diglit.28028#0090
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd8/0090
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
82 Lettere sopra

anolto lume, anzi metterla del tutto ia
chiaro. Scrive egli nella vita di Leonello
Spada, come il duca Pianuccio, a’cui tem-
pi fu ediixcato ilteatro, chianxasse quel pit-
tore, il quale bene intendendosi con l’ ar-
chitetto ed ingegnere Giambatista Magna-
ni, vi sece di superbe scene, e con mol-
to bell’ordine e giudizio vi eresse i pon-
ti per gli spettatori : cli modo che egli
pare che il teatro sia opera di 'Leonel-
lo Spada, e insieme del Magnani , di cui
come architetto a’ servigi della corte di
Parma fa ancora menzione il Malvasia
nella vita del Dentone . Sopra i gradini >
che circondano intorno la piatea o l’ are-
na , sorgono i palchetti , o poati pegli
spettatori: e sono questi conformati in due
maestose logge, elorica l’una, e l’aìtra jo-
nica, in sul disegno di cjuelìe, che ricin-
gono la basilica di Vicenza: il che aricorà
avrà dato ad alcuni occasione di credere,
che cj^uel teatro sia opera del Palladio. Ma
eccolo, se non erro , a coloro restituito,
che ne surono veramente gli autori. Di
parecchie altre cose potrei io parlare, che
con grandissimo mio diletto furono da nie
loading ...