Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 8) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-8]

Seite: 86
DOI Seite: 10.11588/diglit.28028#0094
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd8/0094
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
LETTER.E & O T ìl A

sigurine, che gli possono occorrere ne’suoi
lavori, le tocca assai bene: ecl anche inta-
glia con maestria, e grandissimo spirito ;
come si può vedere da certe cartine da
lui incise, e si vedrà anche rnealio da cer-
te altre, che sta ora incidendo, nelle qua-
li gli è piaciuto esprimere ad acqua forte
ceste mie invenzioni di vasi, sull’andare e
sul gusto antico. La prima delle opere, che
gli desse 'grido, è l’antiporta de’Savini, do-
ye ha finto un gran rabesco con fogliami,
ed aìtri ornati di un bellissimo fare, e ché
ha saputo dipingere in modo, che è un
yero inganno . E la più considerabile delle
opere da lui sinora condotte, è la cappei-
la de’Fantuzzi nella chiesa di san Martino.
Quivi sopra lin dorico ha posto e voltato
una bella cupola di ordine jonico benrssi-
ino eseguita ed intesa. Ciò ch’egli ha di
proprio nella invenzione è, che i dipinti
da lui sarebbono altrettante belle fabbriche,
e adattatissime al luogo dove son finte: se
già non è obbligato talvolsa a uscire dei
giusti termini per gradire aH’universale. E
quelìo che lo fa esser così sobrio nella qua-
dratura , è lo esser egli neirarchitettura fen-
" da-
loading ...