Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 8) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-8]

Seite: 92
DOI Seite: 10.11588/diglit.28028#0100
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd8/0100
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
Q2 LéTTERE 'SbPÈÀ

pittoresche e teatrali del mondo. Allà sini-
stra del ponte si scende in una piazza ri-
cinta di pórtici, e da un lato fasciata dal
canaìe: e in mezzo ad essa soree la basili-

7 KJ

ca di Vicenza, o sia il paiagio detto della
'Ragione. E' anche questo uno de'più bel-
li edifizj ché yedere si possano; e per ta-
ìe lo qualifìca il medesinio Palladio, nella
cui bocca non disdice anché in questa oc-
casione una lode, che tanto gli è dovuta»
Fra la basilica e il ponte trafora l’occhioj
e lurtgo tratto caminina per una vedutà del
canale di là dal ponte medesimo; GIi edi-
fizj sono quivi parte mattoni e parte pie-
tra^ iiia semplici e non mdlto ornati* co-
me si conviene ad abitazioni di privati; e
così ancora di alcuni aìfri di qua dal pon-
te. Fanuo canipo in tal maniera» o contrap-
posto alle fabbriche pit'i nobdi, e dànno al
quadro maggior verità. Non avea Carló
Mapio tanti pàladini da farne oste, dice
il Boccaccio ; nè ci sono rnai in una città
le intere strade listate da sontuosi palagi :
e quaudo pur ci fossero, già non vórrebbe
imitare un pittore cotanta uniformità. Là
strada Baìbi in esfetto e la strada nuova di

Gej
loading ...