Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 8) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-8]

Seite: 93
DOI Seite: 10.11588/diglit.28028#0101
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd8/0101
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
LA PlTTÙRA. g!$

Cenova non sono per tal ragione così pit-
toresche, come è il corso di Roma, e il
canal grande diVenezia. Ella può ben cre-
dere, che non maacanó al quadro nè bar-
cne nè gondole, che fa in eccellenza il
Canaletto, nè qualunque altra cosa trasfe-
rir possa lo spettatore in Yenezia; e le so
dire, che parecchj Yeneziani han doman-
dato, qual sito fosse queilo dalla città, ch’
essi non aveano per ancora veduto.

Ora quello che ha già fatto ilCanaletto,
vorrei Ella il facesse presentemente; e cer-
to lo saprà fare al pari di lui. Io le tras-
inetto due schizzi che gittati ho sulla car-
ta, e che le spiegheranno chiararnente, con
un poco però di comento, i miei pensie-
ri. Nel primo ella ravviserà parte della
Certosa o sia deiie Terme diocleziane in
Roma ; nel secondo la pianta della piazza
di san Domenico in Bologna. Da un disegno
che io ho delMinozzi, che rappresenta par-
te delle terme quali sono presenteinente,
e dal iibro del Paliadio che rappresenta le
terme, quali erano negii andati tempi, io
ho ricavato il primo pensiero : e ciò lascian-
do come sta buona parte del muraglione.

con
loading ...