Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 8) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-8]

Seite: 94
DOI Seite: 10.11588/diglit.28028#0102
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd8/0102
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
$4 L'ettere s o p r a

con Ie sue poi’te e finestre alla moderna,
che fa ora da un lato il ricinto della Cer-
tosa; e mettendo dentro a certi arconi che
rimangono ancora in piedi di belle colon-
ne corintie, alle quali contrappone il mu-
raglione medesimo, così rozzo come egli
è. Sopra una gran rovina che è sul dinan-
zi rimane a luogo a luogo qualche fregio
o basso rilievo, e a piè di esso vedesi qual-
che bel gruppo di capitelli, di cornici e
altri nobili rottami. Fra le rovine dell’ in-
dietro fo che s' alzi. da un lato, ma non
così alto corne li sopraddetti arconi, un emi-
ciclo o tribuna che vogliamo dire, ornata
di nicchie, colìa volta in grandissima par-
te caduta, e ornato a cassettoni: la quai
tribuna, quasi tutta ombrata nella sua con-
cavità, fa una gran massa di scuro, dove
più si richiede per il miglior efsetto del
quadro. Spero che non saranno per dispia-
cerle quei voltoni, che io fo rnezzo sotter-
rati nelle rovine che sono a'piè deila tri-
buna; dentro a’quali uno crederà di poter-
ci camminare, una volta clie sieno da lei
riflessati di sotto in su: ne sarà per dispia-
eerle l’indietro da me aggiuntoyi, che rap-

pre-
loading ...