Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 8) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-8]

Seite: 101
DOI Seite: 10.11588/diglit.28028#0109
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd8/0109
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
L A PlTTTJRA i ÌOt

ÀL MEDESÌMO

A BOLOGNA.

Venezia 12. febbrajo 1760.

N o N altro che belli riuscir potevano i
miei pensieri trattati rìa lei : e tali sono ve-
ramente il pezzo delle terme diocleziane ,
e la piazza di s^ Domenico rifabbricata di
nuovo, che ho ricevuti con l’ultixno cor*
riere » Non hanno invidia al Foro di Tra-
jano, nè alle rovìne del tempio clella Fortu*
na prenestina, ch'ella già mi dipinse anni
sono. Saranno presto animati di belle mac-
chiette dallo spiritoso Tiepoletto ; e già il
sono a quest’ora gli altri due loro fratelli
maggìori, che rni hanno qui accompagna-
to. Sul lago del paese ricavato da Tiziano
ci ha egli posto una barchetta con gente
che vi va asollazzo; e airabbeveratojo, che
è a’piedi delle colonne e degli alberi suir
innanzi, ci ha dipinto tra le altre un bel
cavallo bianco, che farebbe pariglia con uno
di Vovermans. Nell’altro ci vedrebbe di
G 3 belle
loading ...