Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 8) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-8]

Seite: 128
DOI Seite: 10.11588/diglit.28028#0136
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd8/0136
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
12$ Lettere sópha

ne. Nelle prospettive della chiesa di san
Micheie in bosco da iui dipinte fa morire
nna cornice contro un arco ; e non ha avu-
to scrupolo di accoppiare con le colonne
doriche un sopraornato di ordine jonico :■
e in una dellc prospettive di san Salvatore
(ed è Ia più famosa) la pianta di una sca-
ìa, che ,ne sa ii giuoco principale, combat-
te in modo eon la pianta del rimanente
del sito, che per. non esserne osfeso, ci
vuole tutta la magia di (juello ammirabile
dipinto .

Queste e altre simili consideFazioni si van-
no da noi facendo sopra le più belle ope-
re; non andando presi alla sonorità de’no-
mi, ma giurata soltanto fede alla maestà
del vero. Così si mette in giusta bilancia
il loro valore, e così dagli esempj degli ar-
tefìci si può apprendere, o almeno raffinar
l’arte. Tali considerazioni fece non ha dub-
bio anche il Chiarini morto in questi ulti-
mi tempi,, come quegli, che dei maestri
che il preeedettero seppe imitar le virtù,
e star lontano dai vizj. Esattissimo nella
delineazione, elegante nelle proporzioni e
nelle sorme degli edifìzj, di una simplici-


loading ...