Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 8) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-8]

Seite: 131
DOI Seite: 10.11588/diglit.28028#0139
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd8/0139
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
ì. A PlTTURAi'


A L S I G JSf O R

EUSTACHIO ZANOTTI

A BOLOGNA.

Venezict 37. settembre 1760.

Dop o un viaggio il più agiato del mon-
dor parte fatto in baroccio e parte a ca-
vallo, eccomi rielle acque patrie ; mentre
voi siete a’piè dei vostri colli, che non ave-
te voluto cambiare con la bella Vinegia »
Quanto avrei desiderato che foste meco a
Cento, dove io mi sono fermato quasi una
intera giornata l

Subtilis 'vetetum judex et callidus audis,

si può dire anche di voi; e a Cento vi so
ben io dire > che avreste trovato dove pun-
tare il vostro occhialino. Ogni cosa è ivi
pieno di Guercini, come di Bassani a Bas-
sano .

Io per altro non ho incominciato il mio
corso pittoresco dal quadro di Lodovico che

1 2, è ne
loading ...