Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 8) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-8]

Seite: 142
DOI Seite: 10.11588/diglit.28028#0150
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd8/0150
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
'ì'4® Lstteri 50PRA

Io non chiuderò questa mia , senza far»
Ti parte di una scoperta che mi è vetiuta
fatta standomi all’opera la sera che mi trat-
tenni in Gento , Vedete come seriza darsi
rnolta fatica si trovano talvolta di belle co-
se . Io per me , mentre suonavasi un ritor-
nello , ho trovato di che accrescere il ca-
talogo de’pittori che furono anche archi-
tetti. Voi sapete che tal catalogo incomin-
cia da Giotto , si nobilita coi nomi di Mi~
chelagnolo del Peruzzi di Rafsaello di Giu-
lio Romano , procede con quelli del Vasa-
ri dei Domenichino di Pier da Gortona,
nè sarà punto avvilito da quel nome che
siamo ora per aggiugnervi . Discorrendo
nella platea con certi signori del paese so-
pra le cose belle che avea veduto nella pa-
tria loro, domandai se sapevano da chi fos-
se architettata la chiesa del Rosario, che
sni parve un’ assai lodevole fabbrica , trat-
tone Paltare maggiore di gusto moderno s
e mi fu risposto , che la facciata era dise-
gno del Guercino, secondo che appariva
dalle carte di essa chiesa . Duolmi non vi
poter mandare la copia di quelle carte ro«
gate per mano di pubblico notajo : e la sco-

perta
loading ...