Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 8) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-8]

Seite: 161
DOI Seite: 10.11588/diglit.28028#0169
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd8/0169
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
LA PlTTURÀ. ì6i

ìì gli andava a sanguej, è lo IndemoniatQ
diLodovico, che è nel chiostro di san Mi-
chele in bosco ; mentré questo fu da esso
lui eccellentemente intagiiato ad acqua forte.

Che le dirò io più? molti altri quadri
degnissimi di considerazione potrà vedere
l’amicó suo, facendo del tempo una giu-
sta economia; la tavoia per eseinpio del Par-
migianìno, che è in santa Margherita ; un
quadro del Pannini in casa Larnbertini, il
quale rappresenta /’ aprimento della Porta
Santa fatto da Benedetto decimo quarto ,
eosa veramente rara ed eccellente nel ge-
ner suo ; e la tanto famosa santà Cecilià
di Piafsaello , alla quale converrà pure che
l’amico suo conceda un'ora o due> quand5
anche dovesse fare ischiamazzare ii posti-
glione 0 il lettighiere; ma stancìo soÌamen-
ìe agli artefici bolognesi, Un quadro di An-
nibale che è alle monache di san Lodovi^
co nel gusto di Paolo ; quelio deÌl’Albani
della Madonna del piombo, che direbbesi
del maestro; i due quadri di Leonello Spa-*
da e del Tiatinì fatti a concorrenza l'unO
dall'altro, che sono nelia cappelia di san
Domenico; un altro di Leonello Spada, che
To: YIII. h po-
loading ...