Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 8) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-8]

Seite: 176
DOI Seite: 10.11588/diglit.28028#0184
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd8/0184
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
ìy6 Lettere sòprà

re. E' colorito che meglio non si può : é
1* orizzonte della pittura passa giustamente
per l’occhio di chì sta a guardarla ritto in
piedi sul piano della chiesa; il che senza
dubbio contribuisce non poco aH’inganno4
La faccia del Santo è beila insieme e di-
vota. Appoggiato, come io le diceva, sul
parapetto del pulpito sta in atto d’argomen-
tare, tenendo il terzo dito della mano man-
ca tra i’indice e il pollice della destra : e
quasi si potrebbe dire di lui ciò che di Ari-
stotile dice il Bernio i

Ti fa con tanta grazia un argomento,
Che te lo senti andar per la persona
Sino al cervello, e rimanervi drento *

Di questo valentuomo ne ha dato in lu-
ce la vita non ha molto il signor Giambat-
tista Costa pittore ariminese, e uomo di
varia erudizione. Nacque in Castel santo
Arcangelo nel 1601. con grandissima atti-
tudine alla pittura. La coltivò in Bologna
sottò la disciplina diGuido, e la perfezio-
nò poi inA^enezia studiando sùlle opere di
Tiziano dei Tintoretto e diPaolo. Chiama-

to
loading ...