Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 8) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-8]

Seite: 179
DOI Seite: 10.11588/diglit.28028#0187
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd8/0187
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
t A PlTTURA'.

iìgìtur quam pictum est tanto a ragione com-
mendato da Plinio . Nè quasi nulla toglie
alla bellezza del quadro F essere stato ritoc-
cato un poco da Felice Cignani fìgliuolo
del famosoCarlo> che in Forlì avea ferma-
to sua stanza, come ella ben sa.

Di questo valentuomo si veggono in For-
11 molte belle opere. Tra le altre V Auro*
ra in soffitto, che è in casa Albizzini di-
pinta a colla ; la quale, benchè non cosl
numerosa di figure, può gareggiare con la
famosa Aurora di Guido per la lucidità del-
le tinte, e per la bellezza della forma, e
la supera per la scienza dello essere vera-
mente dipinta di sotto in su. Dicono, che
il Cignani andasse spesso a vederla, e avea
ben ragione di compiacersi di tale sua fi-
gliuola, che era per essere al padre di co-
sz grande onore. Sìmilmente andava spesso
a vedere un suo quadro, che è nei Filip-
pini> e rappresenta VAngelo, che compari-
sce di notte a san Giuseppe, e gli svela il
mistero della incarnazione . Lo chiamava
la sua notte ; forse per allusione a quella
del Correggio, di cui fu detto ch’era una
xiotte, che si vorria vedere ogni giorno.

M 2 Poco
loading ...