Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 8) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-8]

Seite: 203
DOI Seite: 10.11588/diglit.28028#0211
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd8/0211
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
LA PlTTD'RA.

so3

A L S I G. M A R C H.

GIOVANNI PAOLUCCI

Castellano della Fortezza di Pesaro .

Firenze ao. maggio iyG3.

Xn questa patria delle belle arti ricevo la
lettera sua, la quale pienamente mi consó-
la, e per le buone nuove che mi reca di
lei, e per quelle che mi reca di me me-
desimo. Godo senza fìne, signor Marchese,
che da un dottissimo soldato, quale ella è,
venga approvato il mio saggio sopra la pit-
tnra, ridotto molto più pieno che non era
in quest’ ultima toscana impressione. Confes-
so, che questo è il mio saggio favorito,
dietro a cui ho speso moltotempo, tornan-
dovi sopra più e più volte. Temeva, non
per avventura la soverchia diligenza levato
gli avesse la grazia; se non che, da quan-
to ella mi dice, spero di aver anche sapu-
to levar la mano di sul lavoro .

Ma quello che sopra ogni altra cosa mi

pia-
loading ...