Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 8) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-8]

Seite: 207
DOI Seite: 10.11588/diglit.28028#0215
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd8/0215
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
LA PlTTUR A. 20y

ptesentano dei manipoli. Pochissimi uomi*
ni, che difendono città e alloggiamenti,
rappresentano molte coorti; e i quindici o
venti, che vengono insieme a battaglia, gli
eserciti intieri. Di simili emblemi, per cui
nei bassi riiievi si fa ai meno significar©
i più, questo non è appresso gli antichi il
soio esempio. Nei rovescj delle medaglie
non sono altrimenti qhe con tre o quattro
fìgure rappresentati i congiarj e le allocu-
zioni, dove interveniva il popolo romano,
e tutto un esercito. E che lo scultore si
discostasse in moltissime cose dalla verità
per una fmitezza di arte, ne può essere uno
argqmento certissimo, che, dove l’arte lo
ha permesso, è stato della verità osservator
religiosissimo. Giò è aperto a potersi vede-
re nell’ ordine dei sacrifìzj, negli abiti e nel-
le armi dei soldati, nella rappresentazione
delle insegne militari delle macchine da
guerra dei tempj de’teatri degli anfìteatri,
ch’egli ha espresso con la maggior fedeltàc
Del che si può assicurare ognuno, confron-
tando tali cose o con le descrizioni che s©
netrovano, o conlestatue, o con altre si-

mili
loading ...