Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 8) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-8]

Seite: 222
DOI Seite: 10.11588/diglit.28028#0230
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd8/0230
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
!à22 LitteiìÈ S'OPAA

Yeaezia, se non per la lite ch’egìi ehb©
con Marcantonio, per ricorrere cioè aìla
Signoria contro a quel valentissimo contraf-
fattore delie sue proprie stampe della Pas-
sione, le quali aveano a quel tempo levato
in ammirazione tutto ilinondo: e allora fu
ch’ei fece l’intaglio delia nostra città, dei
quaie si conservano tuttavia appresso di noi
i varj pezzu Non ci venne adunque se nort
dopo pubblicate le stampe delia Passione $
e dopo che contrafsatte le vide. Ora le
stampe della Passione pubblicate furono da
lui parte nei iSo'j. nel i5o8. e nel i5ià. ,
come i numeri mostrano degli anni scolpi-
ti nelie stainpe medesime. Ei venne dun-
que a Venezia* ch’era già di parecchj an*
ni compito ii secoio deciinoquinto, o sia
1*1 millecinquecento, ed intaccato il deci-
mosesto. E ia veduta di Venezia porta scol-
pito in fronte un bel MD. tondo tondo *
Gi sarebbe adunque contraddizione, stando
alla tradizione medesima, chi attribuir vo-
lesse ad Aiberto quel famoso intaglio. Ma
è ben più naturaie a pensare, che incisa
quelìa veduta dal Mantegna, o da altri di
quelia scuola, la venisse dipoi attribuita ad

Al-
loading ...