Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 8) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-8]

Seite: 227
DOI Seite: 10.11588/diglit.28028#0235
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd8/0235
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
L* ARCHlTÉTtìrll A. 2.Ì2.J

èdìficato negli aurei tempi. L’arco di Tra-
|ano mostra dei modiglioni, che non rispon-
dono al fìlo dell’asse delle colonne; e det
posti a rovescio nè mostrà la cornice clel
farnoso tempio di Nimes, detto la maison
quarrée. Se altri cercasse un architraye spez-*
zato dall’arco, che doyria stargli sotto e si
ficca all’ in su, non manca l’ esempio deli5
anfìteatro di Pola : ed anche mi sovviene
avere una simil cosa veduto ne’ clisegni del
tempio della Fortuna Prenestina presi già
dal Palladio, e che da mylord Burlington
conservati erano in quella erudita ed ame-
nissiina sua villa diChiswick. Se parimen-
ti altri cercasse una grande arcata, che ti
venga a rompere nel bel mezzo i pilastri
di un ordine superiore, eccoti la cappella
maggiore, e l’autorità reverencla del Pan-
teon: e con l’autorità degii antichi arrivra
a giustificare il Serlio per sino alle licenze
del suo straordinario libro, come egli giu»
stamente lo intitola delle Porte.

Nil agit exemplum, litem quod lite resolvit ;

verso, che dovrebbono gli architetti ripete-

P 2

re
loading ...