Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 8) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-8]

Seite: 228
DOI Seite: 10.11588/diglit.28028#0236
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd8/0236
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
st&fc Ìi'eTTERE SOPtlA

Ire ogni mattina a digiuno, come gli uonix-

ni militari quegli altri due :

Su7nmutn crede riefas animam prceferrc
pudori,

Et propter vitain vivendi linquere cau~
sas .

E ben vi ricorderete clie l’istesso Filan»
dro disse un tratto : antiquitatenì quidem
certe veneramur, sed eatenus, si non nimium
improbe, et contra rationem faciet. Nè tìia-
raviglia, che si tenga a memoria una cosa
ragionevole uscita di bocca a un comenta-
tore .

Ma per quanto atti sieno gli esempj a
indurre in errore chi se ne va preso alle
grida e alla autorità, non è già per questo
che sieno da riprovarsi. Sono anche utilis-
simi a coloro, che la ragione pigliano per
maestro e per duca. Forniscono aìla men-
te, e vi presentano mille cose da conside-
rarvi su, aile quali non sarebbesi forse mai
avvertito senz’essi: e non ne potrà mai rac-
cogliere un valente architetto tanti che ba-
sti, quasi materiali, dii'òcosì, a’suoi razio-

cinj.
loading ...