Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 8) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-8]

Seite: 271
DOI Seite: 10.11588/diglit.28028#0279
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd8/0279
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
l' Architettura. 271'
rona. Sopra l’ordine gotico ha innalzato due
altri ordini alla romana, l’ uno corintio,
composito l’altro; ma oltre il suo costume
sorerchiamènte ornati di bassirilievi di ri-
epuadri di festoni di statue di nicchie, per-
chè sossero in armonia col gotico, che è
al di sotto, trito al solito d’ ogni maniera
di scolture ed intatdi. Fa un assai bel ve-

O

dere una tale invenzione ; ed egli vi ha po-
sto di sua mano : io Aridrea Palladio lq,udo
il preseme disegno .

Non pare però, che le invenzioni del
nostro architetto trovassero molta grazia di-
nanzi agli occhi dei Bolognesi : forse per-
chè nulla si confanno col vecchio Ia più
parte di esse ; e questa ultiina, che conser-
va il già fatto, pur v’introduce qualche no-
vità. E perchè al contrario in un disegno
del Terribiglia niente si muta di tutto quel-
lo che è già fabbricato , io credo ch’egli
ottenesse la palma e l’approvazione del Reg-
giinento, come leggesi a piè di esso.

Quello ancora del Yignola, che dice il
padre Danti essere stato solennemente ap-
provato alcjuanti anni prima cla Giulio Ro-
mano e da Cristoforo Lombardo, chiamati

espres-
loading ...