Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 8) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-8]

Seite: 275
DOI Seite: 10.11588/diglit.28028#0283
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd8/0283
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
l’ Àrchitetttjra.
anni per uno de’soggetti di architettura la
facciata di san Petronio. Ottenne fra tutti
il premio il disegno delTesi, cognito ora,
anzi celebre sotto il nome diMaurino, co-
me quegli che co’dotti suoi lavori fa argi-
ne alla scorrezione al tritume all'ampullo-
so, dirò così, che si era introdotto nella
quadratura, e ha rimesso in piedi il gusto
seinplice e vero del Dentone e de:più fon-
dati maestri .

Ma s’ella si maraviglia dei tanti disegni
che furono fatti, non si rnaraviglierà , credo
io, che non ne sia stato eseguito niuno.
Così va : quando si rnette mano a tante co-
se, non si fa poi nulla. Lo stesso avvenne
della facciata della chiesa di san Lorenzp
aFirenze, per cui ella pur sa quanti archi-
tetti dessero briga aìla riga e al compasso;
e tra questi fu anche Rafsaello e Michela-
gnolo. E fìnalmente queila non era una cosl
grande spesa (considerando massime chi do-
veva spendere), come sarebbe questa. Era-
Vi anticamente un grande ammasso di mar-
mi già in pronto per il compimento di que*
sta fabbrica ; ma sparirono detto fatto ; fu-
tono venduti da Baldassar Cossa, quando

S 2 egli
loading ...