Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 8) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-8]

Seite: 282
DOI Seite: 10.11588/diglit.28028#0290
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd8/0290
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
zBz Lettere sopra

ancora, che il timpano clie vi è sopra gi-
ri tondo come la cornice medesimaP Diran
forse, che l’acque non ne scolano così be-
ne, come se fosse in piano, e che ciò è
un fare dirittamente contro al proprio uf-
lizio suo : ma è facile a vedere quanto in
ciò s’ingannino.

E lo stesso pur parmi dell’altra opposi-
zione, che il tamburo della cupola col suo
basamento riesca troppo alto rispetto al por-
tico che è sotto. L”inganno viene, credo
io, da questo, che non fanno considera-
zione, come quel basamento viene mangia-
to alla vista dalle parti anteriori della fab-
brica ; del che si accorgerebbono subito,
chi tirasse il disegno in prospettiva. II tam-
buro della cupola posa sul muro interno
del portico. Dall’interno alle arcate di fuo-
ri ci sono bene un diciotto o venti piedi*
Ed ecco come la visuale di chi riguarda
il tempio nella distanza che si conviene se
ne va dairocchio radente la sommità del
portico ad investire il piede dei pilastri
del tamburo, e viene a sparire quello spa-
zio, che nei disegno geometrico si vede tra
due.

Goss
loading ...