Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 8) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-8]

Seite: 314
DOI Seite: 10.11588/diglit.28028#0322
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd8/0322
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
5l4 Lettere s o p r a

lia. La fece innalzare nel mille quattroceH*
to e cinquanta lo stesso Sigismondo da Leon
Battista Alberti uomo rarissimo, e che dee
col Brunellesco divider la gloria dello aver
risuscitato ne’moderni tempi l’architettura
antica. Pochissime sono le fabbriche di tal
maestro, assai più noto per gli suoi scrit-
ti; il coro dell’Annunziata di Firenze, di
eui fa la critica il Vasari; la loggia de'Ru-
cellai lodata dal inedesimo, per non aver-
vi seguito la barbara maniera del piantare
gli archi in su’capitelli delle colonne; la
facciata di santa Maria novella, in cui gli
convenne stare alquanto sul gotico per ac-
cordare il nuovo col vecchio ; santo Andrea
di Mantova, e san Franeesco di Rimini :
e queste due ultime chiese sono le piu beh
le fabbriche che abbia eondotte. L’interno
di santo Andrea è guasto in grandissima
parte da ciò che chiamano miglioramenti
moderni, e sirigolarmente da una cupola,
che vi hanno appiecato di disegno, se ben
mi sovviene, di d. Filippo Giovara. Quel-
lo che riinane deU’antica opera è serio,
ben legato insieme, e sente da per tutto-
la buona manìera del fabbricare :■ se noa

che
loading ...