Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 8) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-8]

Seite: 324
DOI Seite: 10.11588/diglit.28028#0332
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd8/0332
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
3^4 Lettere sopra

be la quistione . Ma non ci potrebbe egli
dare sopra di ciò di gran luini il disegno, cli’
egli ha fatto del teatro antico per monsignor
Barbaro, e che trovasi nel Vitruvio da esso
Barbaro iliustrato? Certo si è, che in quel
disegno egli ha esattamente espresso il cori»
cetto, che dopo le tante osservazioni da lui
fatte e sulle cose antiche e sugli antichi
autori egli si era formato in mente clella
vera forma di quello edifizio . Veggano dun-
que i dottissimi autori delle due dissertazio-
ni, se il pulpito di quello è coperto o no ;
e argomentisi, che per simil modo volesse
fare il Palladio nel teatro olimpico di Vi-
cenza, volendo pure dargli la forma dell’
antico. Nè già mi sembra, che potessero
debilitare una tale illazione alcune varietà
che si osservano tra il teatro di Vicenza e
quello disegnato per monsignor Barbaro ; co-
me sarebbe la forma elittica, che hanno i
gradini nell’Olimpico in iuogo della circo-
lare, el’essere il loggiato, che soprastà al*
la scalinata , non aperto del tutto , ma chiu-
so in alcune parti. Che ben sappiamo , co-
me alla hssura elitlàca fu forzato ii Palladio

O

daiia angustia del sito che non avea abba-

stanza
loading ...