Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 8) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-8]

Seite: 334
DOI Seite: 10.11588/diglit.28028#0342
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd8/0342
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
334 LiETTERE SOPK.A

ri, che i di sotto in su ben fatti bucanó
le volte. In casa Seta hanno dipinto una
stanza insieme ; eun’altra ce ne ha dipin-
ta solamente dal hgurista. II Giordano, e
singolarmente Pier da Cortona sono gli au-
tori ch’ egli ha seguito. II fresco, e per Y
armonia e per la lucidità delle tinte, non
ha invidia a nessuno altro. Peccato che le
forme della architettura deil’uno, e delle
figure dell’altro, non siano più scelte e non
sentano della beiia maniera !

In difetto di arti belle o cercato delle
arti utili ; ed ho trovato qui una manifat-
tura di coralli. Non vi sarà ignoto, che
di questa beila marina proauzione, sia el-
la pianta pietra o lavoro d’insetti, che si
pesca singolarmente nel mediterraneo , e
tanto è screditata ora nella farmaceutica,
se ne fa un grandlssimo smercio nelle In-
die orientali. Quivi i gran signori in luo-
go di quadri tengono appesi alle pareti del-
le loro stanze di gran mazzi di paternostri
o pallottole di corallo di varia grandezza e
di varj gradi di tinta, nel che sta princi-
palmente il più o il meno di perfezione .
E CQ.me noi diremmo : vedi là il bel Tizia-

no,
loading ...