Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 8) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-8]

Seite: 336
DOI Seite: 10.11588/diglit.28028#0344
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd8/0344
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
536 Lettehe sopha

forse il padre di fra Girolamo ; il Fallop-
pio, che fu per essi guarito di una specie
di lebbra ; il Mercuriàle, che vi scrisse so-
pra d’ordine di casa Medici. Ora sono più.
celebri che mai, ridotti a maggior como-
do, e messi in isplendore dal conte di Ri-
checourt, che al tanto male che se ne di-
ceva conveniva dire avesse fatto di gran
bene. II Cocchi d’ordine suo vi fece sopra
quel libro, in cui gli fa buoni a ogni ma-
le, gli fa un rimedio universale, una pa-
nacea. Meglio per avventura i Lucchesi,
i quali asseriscono per tale maiattia esser
buoni i lor bagni, ottimi per tale altra,
per questa quella e queli’aitra non se ne
essere ancora provata la virtù . Un così fat-
to stile si acquista fede : laddove quello del
Cocchi è più da cortigiano che da inedico
da Jhsico gentile che volea gratifìcare il suo
benefattore e il suo paese. Comunque pe-
rò sia , quel suo libro sarà sempre ietto con
piacere, come quello che è un bellissim©
corso di patologia fatto in occasione de’ ba-
gni di Pisa «

Diecisette mila anime e non più conta
questa città, colonia alfea, che conquistà

al-
loading ...