Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 8) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-8]

Seite: 340
DOI Seite: 10.11588/diglit.28028#0348
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd8/0348
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
&4Ò Lettere SOPRA

come di fautore e protettore grandissimo

delle belle arti .

Elia lia senza dubbio letto in Plinio, co»
me Ortensio fabbricò un tempio nel stio
Tusculano per collocarvi un quadro di Ci-
dia rappresentante gli Argonauti ; come Lu-
cullo diede non so quanti talenti per una
ccpia della Stefaneploco di Pausia ; come
Marco Agrippa mostrò in parole ed in fat-
ti, che i monumenti delle belle arti con-
servare si doveano nella città di Roma, q
non mandargli, come era allora costume
in Italia, e lo è presentemente in Inghil-
terra, nello esilio delle ville.

Ora tutto ciò riunisce in sè medesimo
il conte di Northumberland . A1 famoso
Mengs, che è presentemente in Ispagna a*
servigj di qitel re, fece già egli copiare la
scuola di Atene della granclezza medesima
dell’originale , rimunerandolo da Lucullo „
A Pompeo Battoni fece copiare similmento
il convito e ii concilio degli dei, che sono
nei piccolo Farnese : a Felicio Costanzi il
trionso di Bacco deHa galleria Farnese ; e
a Masuccio discepolo di Carlo Maratti V au-
rora di Guido della vilia Rospigliosi : e tut-.
loading ...