Algarotti, Francesco  
Opere Del Conte Algarotti (Band 8) — Venezia, 1792 [Cicognara Nr. 3-8]

Seite: 342
DOI Seite: 10.11588/diglit.28028#0350
Zitierlink: i
http://digi.ub.uni-heidelberg.de/diglit/algarotti1792bd8/0350
Lizenz: Creative Commons - Namensnennung - Weitergabe unter gleichen Bedingungen
facsimile
$42 LetTERE SOPRA

genio la sabbrica fatta su’disegni del padro»
ne, il quale a simiiitudine de’conti Pem-
brocke e di Burlington è architetto anch*
egli. Tale è la moda in Inghilterra . Non
isdegnano quei signori di maneggiar la ri-
ga e ii compasso. Parmi averle fatto vede-
re in Bolorrna la bella casa di Chiswick d’

O

invenzione di Burlington ; e ii ponte, che
con una bella loggia jonica ha coperto il
Pembrocke nella sua villa diWilton, e di
cui me ne diede il disegno egii medesimo *
Lo stesso fa ora ii conte di Northuroberland,
il quale oraa una sua villa posta poco lun-
gi da Londra, con sale aìia greca, con tri-
bune , con caicidiche, con ogni maniera di
cose, che spirano la magnifìcenza e il gran
gusto dell’antico .

Che se que’signori non sono essi mede-
simi neli’architettura versati, non fanno già
fare i dise<ini delle loro fabbriche ai mo-
derni Zanfragnini, ma pigliano a rinnova-
re un qualche bello edifizio di un morto mae*
stro, e singolarmente del Palladio. Così ado-
perato ha mylord Westmorland alla sua re-
sidenza presso a Tumbridge, dove ha fatto
risorgere la famosa rotonda del Capra ; se

non
loading ...